Claudia Pelagatti

Claudia Pelagatti

Affari Internazionali, Education
Segreteria Sezione Agroalimentare, Sistema Moda

Telefono 085 4325539 - 3405526414
email c.pelagatti@confindustriachpe.it

Nell'epoca delle iperconnessioni, in uno scenario in continuo mutamento, sono proprio le competenze digitali che necessitano di essere consolidate, attraverso esperienze di formazione indispensabili per agire, in modo critico, attivo e sempre più consapevole, la propria cittadinanza digitale.

Questo è uno dei nuovi obiettivi che si pone la versione digitale di Fare Rete Fare Goal, percorso di orientamento e sviluppo delle competenze trasversali ideato e realizzato presso gli Istituti Secondari Superiori del nostro territorio da Confindustria Chieti Pescara e da Randstad, ormai alla sua sesta edizione.

Questa settimana si sono tenuti 10 percorsi rivolti a 200 studenti pescaresi dell'Istituto Alberghiero "De Cecco", del Liceo Scientifico "Leonardo Da Vinci" e dell'Istituto "Misticoni -Bellisario". La giornata conclusiva è stata condotta ed affidata ad imprenditori e manager di eccellenza del nostro territorio: Alessandro Addari, Presidente Comitato Piccola Industria Chieti Pescara e Amministratore di Top Solutions; Rita Annecchini, Presidente Sezione Sistema Moda di Confindustria Chieti Pescara e Amministratore di Nami; Giorgia De Cecco, Sales e marketing manager Confezioni Mario De Cecco; Poalo De Grandis, Presidente Sezione Servizi Innovativi Confindustria Chieti Pescara e Presidente Polymatic; Roberto Di Domenico, Presidente Sezione Agroalimentare Confindustria Chieti Pescara e Titolare dell'azienda Spiedì e Cinzia Turli, Coordinatrice scientifica TEC Comitato Piccola Industria Chieti Pescara e Umanista d'azienda Lazzaroni SpA.

Dopo aver approfondito il ruolo e la mission di Confindustria e condiviso con gli studenti le loro esperienze professionali e aziendali, gli illustri relatori hanno affrontato il tema della Tutela del made in Italy e della lotta alla contraffazione. Su impulso del Presidente della Sezione Sistema Moda di Confindustria Chieti Pescara si è sviluppata una sinergia con la Sezione Agroalimentare e il Comitato Piccola Industria per responsabilizzare i giovani, i quali risultano da recenti studi la categoria più tollerante rispetto all’acquisto di prodotti contraffatti. Il 41% lo ritiene accettabile e il 15%, in età tra 15 - 24 anni, sostiene di aver acquistato consapevolmente prodotti contraffatti. È importante invertire questa tendenza, proprio a partire dalle giovani generazioni, informandole sulle conseguenze economiche e sociali e sensibilizzandole sul disvalore della contraffazione e sull’importanza di un consumo più responsabile.

Giovedì, 21 Gennaio 2021 17:15

Fondimpresa - Avviso 1/2021 Innovazione

Con l’Avviso n. 1/2021 “Formazione a sostegno dell’innovazione digitale e/o tecnologica di prodotto e/o di processo nelle imprese aderenti”, Fondimpresa finanzia piani condivisi per la formazione dei lavoratori delle aziende aderenti al Fondo che stanno realizzando un progetto o un intervento di innovazione digitale e/o tecnologica di prodotto e/o di processo.

Possono presentare la domanda di finanziamento e realizzare i Piani formativi, a pena di esclusione dalla procedura, esclusivamente i seguenti soggetti:
- le imprese beneficiarie dell’attività di formazione oggetto del Piano per i propri dipendenti, aderenti a Fondimpresa alla data di presentazione della domanda di finanziamento e già registrate sull’«Area Associati» del sito web www.fondimpresa.it. Possono partecipare esclusivamente le aziende che non sono state beneficiarie di Piani finanziati sull’Avviso 1/2019 del Fondo, salvo il caso in cui il finanziamento sia stato revocato o l’azienda vi abbia rinunciato;
- gli enti già iscritti, alla data di presentazione della domanda di finanziamento, nell'Elenco dei Soggetti Proponenti qualificati da Fondimpresa per la categoria III dell’art. 5.2 del “Regolamento istitutivo del sistema di qualificazione dei Soggetti Proponenti” - Formazione sulla tematica dell’innovazione tecnologica di processo e di prodotto, nel limite della classe di importo e dell’ambito territoriale di iscrizione, che deve comprendere tutte le regioni a cui appartengono le aziende beneficiarie del Piano.

Il Piano deve in ogni caso prevedere, a pena di esclusione, la partecipazione di uno dei soggetti di seguito elencati: Dipartimenti di Università pubbliche e private riconosciute dal MIUR; Enti pubblici di ricerca vigilati dal MIUR; altri Organismi di ricerca in possesso dei requisiti indicati nell'Avviso n. 1/2021.

Le domande di finanziamento dovranno pervenire, a pena di inammissibilità a partire dalle ore 9.00 del 30 marzo 2021 fino alle ore 13.00 del 31 dicembre 2021.

Giovedì, 21 Gennaio 2021 17:10

HELP DESK "BREXIT" - aggiornamenti

Il 24 dicembre 2020 l’Unione europea e il Regno Unito hanno raggiunto un accordo che definisce le condizioni della futura collaborazione tra le parti.

Tra i pilastri dell’intesa vi è l’accordo di libero scambio che sancisce il nuovo partenariato economico con il Regno Unito, volto a mantenere la massima fluidità del commercio assicurando che le merci scambiate non siano sottoposte a dazi o quote.

Tuttavia, anche in questo nuovo scenario, a partire dal 1º gennaio 2021 sono intervenuti cambiamenti importanti legati all’uscita del Regno Unito dal mercato unico e dall’unione doganale.

L’Unione europea e il Regno Unito costituiscono ora due mercati distinti e due spazi separati dal punto di vista normativo e giuridico e le aziende si trovano ad affrontare una serie di adempienze normative e di cambiamenti riguardanti le procedure doganali per poter continuare ad operare con il mercato britannico. Tra questi, la necessità di certificare l’origine dei prodotti e la loro conformità alle normative tecniche richieste.

Allo scopo di fornire un supporto concreto alle imprese che operano con il Regno Unito, Confindustria ha deciso di offrire al sistema confederale ed alle aziende associate un servizio specifico di Sportello che permetta loro di interrogare i nostri esperti sugli aspetti doganali che il nuovo assetto delle relazioni tra UE e UK ha stabilito.

Si ricorda che il servizio è riservato alle aziende associate.

Giovedì, 21 Gennaio 2021 16:39

ASEAN - concluso il quarto Digital Round Table

Oggi 21 gennaio si è svolto il quarto ed ultimo Digital Round Table ASEAN.

Sono intervenuti illustri relatori: Awang Tengah Ali Hasan (Deputy Chief Minister of Sarawak, Second Minister of Urban Development & Natural Resources, Minister of International Trade and Industry, Industry Terminal & Entrepreneur Development), Valerio De Molli (Managing Partner and CEO, The European House – Ambrosetti), Doan Thi Thanh Ha (Economist, ERIA), Carlo Ferro (President, ITA), Attilio Fontana (President, Lombardy Regional government), Enrico Letta (Dean, Paris School of International Affairs – Sciences Po), Azman Mahmud (CEO, MIDA), Pavida Pananond (Professor of International Business at Thammasat Business School, Thammasat University), Alessandro Profumo (CEO, Leonardo), Lorenzo Tavazzi (Partner and Responsible for International Development, The European House – Ambrosetti).

Durante la tavola rotonda è stato analizzato lo scenario e il ruolo della tecnologia per lo sviluppo economico ed industriale in particolar modo nell'era post Covid -19.

E' stato approfondito, inoltre, in settore aerospaziale, che vede nella cooperazione tra Italia e area ASEAN importanti opportunità di rilancio e crescita.

Secondo quanto emerso dal report annuale, la BEI ha mobilitato a favore dell’Italia 6,6 miliardi di euro per affrontare la pandemia da Covid-19, cifra pari il 30% dell’intera UE. Nel dettaglio, 2 miliardi sono stati destinati alla Sanità, 640 milioni alle politiche regionali e oltre 4,4 miliardi sono stati erogati sotto forma di prestiti in partnership con banche e CDP a sostegno delle PMI italiane.  

Il 12 gennaio l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) ha pubblicato il report annuale “Science, Technology & Innovation Outlook 2021”, che analizza il ruolo della scienza e dell’innovazione durante la crisi pandemica. Nel documento emerge l’impatto della crisi economica sulla riduzione del flusso di investimenti nel settore R&I e il conseguente inasprimento della concorrenza per ottenere finanziamenti pubblici. L’OCSE denuncia che nel lungo periodo questi fenomeni rischiano di costituire una minaccia per i sistemi e le realtà innovative, in un momento nel quale la scienza e l’innovazione sono chiamate all’arduo compito di contrastare l’emergenza climatica ed accelerare la transizione digitale. In questo senso, l’OCSE suggerisce ai governi alcuni interventi volti a contrastare tali fenomeni e proteggere i propri sistemi innovativi dalle incertezze future:

  • Rivedere le agende in materia di R&I assicurando che ci sia un giusto equilibrio tra misure dirette ed indirette. Infatti, secondo l’OCSE, il supporto pubblico diretto tende a generare maggiori benefici nel lungo termine, nella ricerca ad alto rischio e nelle innovazioni riguardanti beni pubblici. D’altra parte, gli sgravi fiscali costituiscono sì un incentivo per le imprese ad innovare, generando però un impulso innovativo non focalizzato e di natura tendenzialmente incrementale.
  • Promuovere la ricerca interdisciplinare, coinvolgendo attori provenienti da diversi settori in modo tale da affrontare le sfide più complesse.
  • Innovare con responsabilità, integrando le tecnologie emergenti in missioni ad ampio raggio. A tal proposito, viene fortemente consigliata l’inclusione tempestiva di stakeholder chiave all’interno del processo innovativo.
  • Riformare il sistema dei dottorati e dei percorsi di perfezionamento, con l’obiettivo di migliorare la capacità delle società di reagire alle crisi e assicurare stabilità ai neo-ricercatori.
  • Supportare la cooperazione internazionale in materia di scienza, tecnologia ed innovazione, costruendo una fiducia reciproca e valori condivisi. Solo in questo modo è possibile assicurare un level playing field per la cooperazione scientifica internazionale e benefici giusti per tutti.

In considerazione delle difficoltà affrontate dalle imprese nell’attuale contesto pandemico e, soprattutto, degli oggettivi limiti alle attività formative rappresentati dai tre mesi di lock-down 2020, il Consiglio di Amministrazione di Fondirigenti ha deliberato, in via del tutto eccezionale e straordinaria e solo per quest’anno, di offrire alle aderenti un analogo differimento di tre mesi, prima di procedere allo storno delle risorse accantonate nel 2018 e non utilizzate entro lo scorso 31/12/2020.
Tali risorse, quindi, resteranno nella disponibilità delle aziende fino al 31/03/2021.

Martedì 19 gennaio alle ore 18:00 si terrà il primo webinar di presentazione della Ricerca "L'Italia e la sua reputazione: l'università, dal titolo "Meriti e criticità dei ranking".

Ad introdurre la Ricerca vi saranno Paola Severino, Vice Presidente Luiss, Stefano Lucchini, Chief Institutional Affairs and External Communication Officer di Intesa Sanpaolo, e la Presidente di italiadecide Anna Finocchiaro.

Interverranno Dario Consoli, Business Development QS Intelligence Unit, Alberto Baccini, Università degli Studi di Siena, co-fondatore e membro ROARS e Mirko Degli Esposti, Università degli Studi di Bologna, coordinatore Commissione CRUI sui ranking. Modera Pietro Maffettone, Università degli Studi di Napoli Federico II.

Cliccare QUI per registrarsi all'evento.

Il prossimo 21 gennaio, dalle ore 9.15 alle ore 12.00 (CET), si terrà l’ultima tavola rotonda dell’ASEAN-Italy High Level Dialogue 2020.

La tavola rotonda, dal titolo “Tools for economic cooperation: looking forward to a brighter 2021”, sarà dedicata al tema della cooperazione economica e regionale.

Sarà quindi approfondito il tema della cooperazione bilaterale tra Italia e paesi ASEAN, con un focus sulle competenze e la collaborazione che l'Italia può offrire.

Saranno inoltre analizzati i principali e più efficaci strumenti per rafforzare le relazioni bilaterali, dai meccanismi di finanziamento agli accordi di libero scambio.

Si rimette in allegato brochure dell’evento con il link per la registrazione.

Si comunica che il prossimo 25 gennaio, a partire dalle ore 10.00, Confindustria organizza, in collaborazione con l’Ufficio Investimenti della Presidenza della Repubblica di Turchia, l'evento Webinar Protecting Intellectual Property and Patents in Turkey.

L’iniziativa si propone di approfondire il quadro della Protezione dei brevetti e della Proprietà Intellettuale, tema fondamentale per operare in un ecosistema dinamico e tutelato e nei settori preminenti del mercato turco di maggior attrazione, tra cui le Energie Rinnovabili e l’ICT applicato ai Macchinari.

Grazie al contributo dei rappresentanti delle Associazioni e Istituzioni turche e dell’Ufficio di ICE-Agenzia a Istanbul saranno messi in rilievo gli aspetti salienti legati al quadro legislativo, al supporto finanziario e alle opportunità di collaborazione.

L’evento si terrà sulla Piattaforma virtuale GO!, cui è possibile iscriversi attraverso il link di seguito riportato: https://go.confindustria.it/turkey-2021

In allegato il programma della giornata di lavori. I lavori si svolgeranno in lingua inglese.

Pagina 1 di 141

Seguici attraverso i nostri canali social

   Icon TwitterBlu   Icon TwitterBlu   Icon YouTubeBlu   Icon LinkedinBlu   Icon RSSBlu

Website Security Test

 

Entra nel tuo account