Da "Il sole 24 ore"
Laura Federicis

Laura Federicis

Assistenza Presidenza e Direzione, Convenzioni, Centro Studi, Ufficio Relazioni con i Media
Segreteria Sezione Turismo

Telefono 085 4325543 - 3405579577
email l.federicis@confindustriachpe.it

In vista delle prossime elezioni, Confindustria Chieti Pescara ha invitato tutti i candidati a Sindaco per la Città di Pescara per conoscerne i programmi, le iniziative e le proposte in favore dello sviluppo del tessuto economico e imprenditoriale del territorio.

La nostra Associazione, da sempre apartitica, mantiene con la Pubblica Amministrazione e con i Partiti Politici rapporti ispirati a correttezza e integrità, ma richiede anche un confronto costante per una programmazione certa e condivisa della politica economica e delle strategie di politica industriale.

L'incontro si terrà il giorno 20 maggio p.v. presso la sede associativa di Via Raiale 110bis alle ore 14:30

L'incontro sarà così strutturato:

h.14:30 arrivo degli ospiti e degli imprenditori;
h.14:45 – 15:15: ciascun candidato avrà 3 minuti per la propria presentazione;
h.15:15 – 17:30: dibattito con gli imprenditori e manager presenti in sala, moderato dal Presidente Pagliuca.

In allegato la lettera di invito del Presidente Silvano Pagliuca indirizzata a tutti i soci. 

In vista delle prossime elezioni, Confindustria Chieti Pescara intende organizzare un incontro con tutti i candidati a Sindaco per la Città di Pescara per conoscerne i programmi, le iniziative e le proposte in favore dello sviluppo del tessuto economico e imprenditoriale del territorio.

La nostra Associazione, da sempre apartitica, mantiene con la Pubblica Amministrazione e con i Partiti Politici rapporti ispirati a correttezza e integrità, ma richiede anche un confronto costante per una programmazione certa e condivisa della politica economica e delle strategie di politica industriale.

L'incontro sarà organizzato per il giorno 20 maggio p.v. presso la sede associativa di Via Raiale 110bis.

A breve il programma di dettaglio.

SAVE THE DATE!

Pubblichiamo la newletter

Pillole di contaminazione: innovazione e dintorni

dedicata a tutte le imprese associate e ai curiosi del settore #innovazione dalla Presidenza di Confindustria Chieti Pescara.

 • Digital360 lancia l'advisory per aiutare le aziende a governare i dati
https://www.economyup.it/innovazione/digital360-lancia-ladvisory-per-aiutare-le-aziende-a-governare-i-dati/

• I 17 negozi più innovativi del mondo
https://www.economyup.it/retail/i-10-negozi-piu-innovativi-del-mondo/?utm_campaign=economyup_nl_20190505&utm_source=economyup_nl_20190505&utm_medium=email&sfdcid=0030O00002LZ1fyQAD

• Competence Center: 10 milioni dal Mise al nuovo centro del Politecnico di Milano
https://www.economyup.it/innovazione/competence-center-10-milioni-dal-mise-al-centro-del-politecnico-di-milano/?utm_campaign=economyup_nl_20190505&utm_source=economyup_nl_20190505&utm_medium=email&sfdcid=0030O00002LZ1fyQAD

• Energie rinnovabili: così l'Innovation Lab di E.ON lavora con le startup
https://www.economyup.it/startup/energie-rinnovabili-cosi-linnovation-lab-di-e-on-lavora-con-le-startup/

Giovedì, 02 Maggio 2019 11:04

Indagine Rapida CSC - 30 aprile 2019

Pubblichiamo l'ultimo comunicato sulla produzione industriale italiana rilevata dal CSC:

Diminuisce l'attività in marzo (-1,0%) e in aprile (-0,5%). Primo trimestre in crescita (+1.1%), Prospettive deboli

La produzione industriale italiana è stimata in robusto aumento nel primo trimestre 2019 (+1,1% congiunturale, dopo -0,9% nel precedente), grazie alla dinamica estremamente positiva registrata in gennaio e febbraio. Il calo rilevato in marzo e aprile riporta però in territorio negativo la variazione acquisita nel secondo trimestre (-0,9%). La dinamica dell'attività nei primi mesi dell'anno è spiegata in gran parte da fattori temporanei, soprattutto la ricostituzione delle scorte, che tenderanno a rientrare nei mesi primaverili. La domanda interna è ancora debole mentre quella estera stenta a ripartire. Le indagini qualitative condotte presso gli imprenditori manifatturieri e presso le famiglie confermano un quadro sostanzialmente debole e con prospettive non favorevoli.

Pubblichiamo la NEWSLETTER per i Soci Confindustria Chieti Pescara a cura dello Studio Torcello sul tema:

Admpimenti privacy

Il Centro Studi Confindustria e la Fondazione Nord Est presentano il webinar su

Ma è proprio vero che la produttività della manifattura italiana è così bassa?, in programma per martedì 7 maggio dalle ore 12.00 alle ore 13.00.


La manifattura italiana occupa ancora oggi la settima posizione al mondo per valore aggiunto, la quarta per diversificazione produttiva, la seconda per competitività dell'export e mostra un tasso d'investimento che è superiore a quello dei principali competitor europei, Germania inclusa. Eppure, è largamente diffusa, non solo in Italia, l'idea che essa sia da tempo affetta da un forte deficit di competitività, che negli anni l'ha portata ad allontanarsi dalle traiettorie di sviluppo seguite dagli altri principali partner occidentali. Ma è proprio vero?
Giorgia Giovannetti (Professore ordinario Università di Firenze) e Livio Romano (Centro Studi Confindustria), coordinati dal capo economista di Confindustria, Andrea Montanino, mostreranno il proprio punto di vista sull'argomento e risponderanno alle domande che perverranno in diretta.
Per partecipare al webinar è sufficiente iscriversi sul  sito 

https://www.confindustria.it/home/centro-studi/appuntamenti-csc/dettaglio/webinar-produttivita-industria-italiana?utm_source=Newsletter_CSC&utm_medium=email&utm_campaign=webinar%207%20maggio

sul nostro sito 

__________________________________________________
COMUNICAZIONE ALLA STAMPA

PORTI e SVILUPPO: Associazioni di categoria e sindacati uniti per l'annessione a Civitavecchia, unica strada per un pieno sviluppo della ZES.
La Regione è chiamata ad agire in maniera chiara e senza esitazioni.

_________________________________________________________________

È il momento di passare ai fatti: è questo quello che le associazioni datoriali unite ai sindacati chiedono all'unisono alla nuova Giunta Regionale.
Un vero progetto di sviluppo per il nostro territorio, che rischia di venire vanificato dalla burocrazia.
180 milioni di investimenti dall'Europa sono a portata di mano, dobbiamo agire perché raggiungano la nostra Regione.
È una responsabilità storica della politica tralasciare questa opportunità per scegliere una via diversa che è solo miope e riduttiva. Autostrada per Roma, Interporto di Manoppello e di Avezzano sono infrastrutture perfette per completare l'asse Tirreno Adriatico nell'ambito dei corridoi europei.
____________
Confindustria Chieti Pescara ha riunito oggi a Pescara le associazioni e i sindacati che hanno da sempre sostenuto il passaggio dell'Abruzzo all'Autorità portuale di Civitavecchia e la ZES come opportunità di sviluppo.
L'idea di associazioni e sindacati in merito alla ZES è molto chiara: le aree da includere devono essere in piena disponibilità per la crescita delle imprese, devono diventare un asset strategico per l'intera Regione, a completamento della trasversalità.
Se non ci si attiva a breve, l'asse trasversale potrebbe essere realizzato in altri territori, relegando ancora l'Abruzzo a posizioni marginali nell'economia italiana.
La trasversalità tirreno adriatica, ricordiamolo, aveva già incassato il sostegno dei governatori di Abruzzo e Lazio (D'Alfonso e Zingaretti) in una lettera di intenti firmata il 24 febbraio 2016: ora i nuovi governi di Lazio e Abruzzo hanno il compito di inviare al Ministero una nota che renda effettivo l'iter per il passaggio della competenza dell'autorità portuale da Ancona a Civitavecchia.
Siamo nella fase di revisione dei corridoi Ten-T, come nuove vie della seta sono portatori di ingenti opportunità di sviluppo dall'Europa. Il Ministro dei trasporti ha il compito urgente di legittimare la trasversalità riconoscendo una nuova governance dell'asse Pescara/Ortona/Vasto-Civitavecchia. Sono aspetti strettamente interconnessi che porteranno un ingente sviluppo economico dell'Abruzzo.
Il governo ha ora individuato delle risorse da destinare alle ZES, le Regioni dovranno poi deliberare contributi aggiuntivi. Il segnale è chiaro: le ZES stanno per partire e non sono a tempo indeterminato, la questione TEMPO è fondamentale. Gli operatori esprimono urgenza perché, nella mancanza di chiarezza sulle competenze, l'erogazione delle risorse dell'autorità di sistema stenta a decollare limitando investimenti nei porti abruzzesi, necessari al pieno svolgimento delle attività imprenditoriali.

La ZES nella sua finalità normativa interverrà anche per valorizzare lo sviluppo del traffico merci tra i due mari Tirreno e Adriatico: la posizione geografica di Lazio e Abruzzo risulta particolarmente favorevole e altamente funzionale agli obiettivi di sviluppo dei trasporti intermodali tra la Penisola Iberica e l'area Balcanica, l'est Europa e il Medio Oriente. In quest'ottica un'unica Autorità di Sistema Portuale non solo è la soluzione più coerente con la ZES, ma faciliterebbe il riconoscimento, da parte della Commissione Europea, di un corridoio Barcellona-Civitavecchia-Ortona-Pescara-Ploce tra le reti transeuropee dei trasporti. Un'opportunità per accedere ad ingenti finanziamenti e far crescere il sistema infrastrutturale Abruzzese. Il nostro territorio peraltro è già ricco di infrastrutture per la connettività: due porti di rilevanza nazionale, due porti regionali, l'autoporto di Avezzano, l'Interporto Val Pescara – che gode di una uscita autostradale sulla A25 appositamente dedicata, quella di Manoppello, con una superficie di 959.000 mq. che ospita ogni tipo di merce - l'Aeroporto internazionale d'Abruzzo - ubicato a 4 Km dal centro di Pescara direttamente sulla SS5 Tiburtina Valeria, fulcro per il turismo e con un servizio cargo da sviluppare - tutti non lontani dall' autostrada A24, che ha ancora forti potenzialità di sviluppo in termini di traffico. Sta a noi costruire con queste tessere e con il giusto collante la visione della connettività abruzzese.
Chiediamo alla politica di assumersi la responsabilità davanti alla storia e al futuro degli abruzzesi di questa scelta. È su quest'asse Pescara/Ortona/Vasto-Civitavecchia che si possono realizzare gli interessi più generali dell'economia regionale e nazionale, favorendo lo sviluppo delle connessioni funzionali ai flussi di merci e persone, in grado di generare valore aggiunto sul territorio. In tale ottica, risulta indispensabile integrare la rete europea dei trasporti, valorizzandone l'intermodalità e incrementando nuove linee delle Autostrade del Mare, per spostare merci dalla gomma all'acqua e al ferro e perseguire benefici economici, ambientali e di maggiore sicurezza. Un territorio con buone infrastrutture è più attrattivo per le imprese.
Siamo a disposizione del Presidente Marsilio per ogni collaborazione possibile, ma è ormai indifferibile che il nuovo governo regionale Abruzzese rinnovi l'intesa con il Lazio e chi si faccia portavoce con il Ministro Toninelli e il governo nazionale per evitare che l'Abruzzo resti tagliato fuori. Attivare il corridoio significherà per le province di Chieti e Pescara diventare la piattaforma logistica del centro Italia: il nostro aeroporto e le altre nostre infrastrutture diverrebbero, di fatto, interconnesse strettamente alla rete logistica a servizio dell'area di Roma e del Centro Italia.

CONFINDUSTRIA CHIETI PESCARA
CNA ABRUZZO
CONFESERCENTI PESCARA
CONFESERCENTI CHIETI
CONFARTIGIANATO PESCARA
CONFCOMMERCIO PESCARA
CGIL, CISL, UIL ABRUZZO

Pescara, 30.04.2019

L'Italia non cresce: gli investimenti sono attesi in calo, i consumi sono deboli e con prospettive incerte.
I mercati finanziari restano calmi, ma il credito è in diminuzione e il petrolio più caro.
Le esportazioni italiane non sono brillanti, a riflesso della frenata del commercio mondiale, dovuta a dazi e incertezza.
L'Eurozona è in decelerazione nonostante la BCE espansiva, rallentano anche gli USA, ma la Cina evita la frenata brusca.
Per approfondimenti rimandiamo al Rapporto di previsione di primavera 2019 del Centro Studi Confindustria.

In allegato Congiuntura Flash del 29 aprile 

Il Ten.Col. Sergio Schiavone è Comandante del Reparto Investigazioni Scientifiche dei Carabinieri di Roma.

Sarà ospite di Confindustria Chieti Pescara il prossimo 6 giugno, nell'ambito del format "90 minuti con ..." per raccontarci di storie e tecniche di investigazione sulla scena del crimine.

Sulla scena del crimine, il cacciatore di tracce sa dove guardare, cosa cercare e come interpretare gli indizi che troverà. Esamina palmo a palmo ogni superficie alla ricerca di fibre e residui. Utilizza apparecchiature sofisticate per analizzare impronte, tracce ematiche, reperti biologici. Scandaglia hard-disk, confronta manoscritti, sviscera tabulati. È investigatore e specialista dell'indagine forense, ovvero dell'applicazione di tecniche scientifiche alla risoluzione di un caso giudiziario. Come la digitalizzazione aiuta a fare luce anche in questo mondo? Quali i parallelismi con il mondo delle imprese? Venite a scoprirlo con noi...

SAVE THE DATE! 

Pagina 3 di 246

Seguici attraverso i nostri canali social

   Icon TwitterBlu   Icon TwitterBlu   Icon YouTubeBlu   Icon LinkedinBlu   Icon RSSBlu

Website Security Test

 

Entra nel tuo account