Da "Il sole 24 ore"
Luigi Di Giosaffatte

Luigi Di Giosaffatte

Direttore Generale

Contatti
Telefono: 085 4325545 - 3386951916
Email: l.digiosaffatte@confindustriachpe.it

Come annunciato dalla Presidente Emma Marcegaglia Confindustria ed INAIL, con la collaborazione tecnica di APQI – Associazione Premio Qualità Italia ed Accredia – Ente Italiano di Accreditamento, intendono offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura della sicurezza che coinvolge tutto il sistema produttivo italiano, lanciando la prima edizione del “Premio Imprese per la sicurezza”.

Il CLES presso la Direzione Territoriale del Lavoro di Pescara ha diffuso i dati sull'andamento delle verifiche ispettive eseguite nel corso del 2011 e sullo stato del mercato del lavoro nella nostra provincia.

In allegato troverete l'intera relazione.

 

 

La Camera di Commercio I.A.A. di Pescara realizzerà a partire dal 2 aprile p.v. il I° corso per imprenditori esposti.

Il corso è gratuito per gli imprenditori interessati e prevede lo svolgimento su tre giornate dalle ore 10,00 alle ore 13,00 come da programma allegato.

Confindustria e le Segreterie Generali di CGIL,CISL,UIL hanno deciso di assumere una iniziativa congiunta per aiutare le popolazioni, i lavoratori e il sistema produttivo dei territori dell’Emilia-Romagna, in particolare le province di Ferrara, Modena e Bologna, e della provincia di Mantova, colpite dagli eventi sismici di questi giorni.

In analogia con gli interventi svolti in precedenti occasioni, le parti sociali hanno deciso di favorire, con la collaborazione delle loro articolazioni territoriali, la raccolta in azienda di contributi volontari da parte dei singoli lavoratori tramite la trattenuta dalla busta paga dell'equivalente di un'ora di lavoro, e di invitare le aziende a devolvere un contributo equivalente per la medesima finalità.

Con questo gesto Confindustria e CGIL, CISL, UIL intendono fornire interventi di sostegno alle popolazioni, ai lavoratori e ai sistemi produttivi così duramente colpiti, secondo modalità e forme che le parti individueranno con l'obiettivo di garantire la certezza della destinazione e la loro più rapida utilizzazione ai fini della ricostruzione.

I contributi così raccolti dovranno essere versati sul conto corrente bancario appositamente attivato:

conto corrente bancario n. 12900
presso Carisbo Spa sede di Bologna (Gruppo Intesa Sanpaolo)
IBAN IT11N0638502401100000012900


intestato a  CONFINDUSTRIA, CGIL, CISL, UIL
FONDO INTERVENTO A FAVORE DELLE POPOLAZIONI, DEI LAVORATORI E DEI SISTEMI PRODUTTIVI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E DELLA PROVINCIA DI MANTOVA

La  Consulta regionale del Patto per lo Sviluppo della Regione Abruzzo, tenutasi lo scorso 30 novembre a Pescara,  ha stabilito che la restituzione delle addizionali IRPEF e IRAP, a seguito del ripianamento del deficit extra sanitario, avverrà nella misura del 55% a valere sull'IRPEF e del 45% a valere sull'IRAP.
 
Si attendono i provvedimenti esecutivi del deliberato del Patto per lo Sviluppo.
 

Provincia di Pescara, Montepaschi, Confindustria Pescara e CGIL, CISl e UIL  hanno siglato stamane un importante accordo che consente ai lavoratori in Cassa Integrazione di ottenere l'anticipazione della relativa indennità nelle more dell'istruttoria dell'INPS.

L'80% della retribuzione con massimali di legge e fino ad un importo di 6.000,00 Euro per ciascun lavoratore verranno anticipati, su richiesta ed apertura di conto corrente dedicato e senza spese, ai beneficiari previo addebito dell'indennità di CIG.

Tale apertura di credito cesserà con il versamento da parte dell'INPS dell'indennità di CIGS o CIGS in deroga che avrà effetto solutorio del debito maturato.

Il tasso di interesse applicato alle suddette operazioni sarà pari all'Euribor Flat 3M/base 360 (media del mese precedente). La Provincia di Pescara si accolla l'onere della restituzione degli interessi passivi maturati sulle singole pratiche per il tramite di Confindustria Pescara entro il limite massimo di 30.000,00 Euro per tutta la durata della convenzione.

Ogni eventuale chiarimento potrà essere richiesto ai nostri uffici (085.4325554 - Dr. Carlo Di Pancrazio), i quali saranno operativi anche per l'istruttoria delle pratiche che interessano i lavoratori delle imprese associate a Confindustria Pescara. Il servizio dovrà essere richiesto direttamente dall'azienda associata con l'indicazione di tutti i lavoratori beneficiari.

Giovedì, 01 Marzo 2012 19:44

NUOVE MISURE PER IL CREDITO ALLE PMI

Confindustria, ABI ed altre Associazioni di rappresentanza delle imprese hanno siglato un protocollo sulle misure per il credito alla PMI.

Lunedì, 13 Gennaio 2014 11:58

Nota CSC su credit crunch

Alleghiamo la Nota CSC n.2/2014  su " Italia: il credit crunch prosegue nel 2014" a cura di Ciro Rapacciuolo.

L'esame congiunturale è riferito alle proiezioni sull'erogazione del credito alle imprese per il 2014 e 2015.

 

 

Il Centro Studi Confindustria (CSC) pubblica una nota economica sugli incentivi pubblici: su una spesa di quasi 35 miliardi di Euro, alle imprese industriali ne arrivano meno di 3.

In allegato il testo della nota CSC.

Mercoledì, 23 Ottobre 2013 11:28

Legge di Stabilità: prime valutazioni

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il DDL di Stabilità. L'impostazione complessiva del provvedimento tocca capitoli significativi
per la crescita delle imprese ed il rilancio della domanda interna: costo del lavoro, investimenti, liquidità.
Delude, invece, l'entità degli stanziamenti, ben lontana da quella in grado di garantire un impatto forte sull'economia.

Il testo varato delinea una manovra che si declina su un triennio, anche se la progressione dell'entità delle misure nel tempo è molto contenuta.
Inoltre, dopo molti anni, la manovra non ha un segno restrittivo ma, anzi, moderatamente espansivo. Anche grazie alla forte azione che Confindustria
ha svolto nei giorni scorsi, i tagli non incidono sulle imprese private che operano nella filiera della sanità e non sono previsti rilevanti aumenti del prelievo a carico delle imprese.

Entrando nel merito delle scelte operate, in sintesi, e tenendo conto che i testi non sono definitivi, queste le prime valutazioni di Confindustria:

   Costo del lavoro: circa 3,8 miliardi per le imprese (1,2 sul 2014, 1,2  sul 2015, 1,4 sul 2016) e 5 miliardi per i lavoratori (1,5 sul 2014, 1,7
   sul 2015 e 1,8 sul 206) spalmati su tre anni. Intervento nettamente inferiore a quanto necessario. Non si registrano interventi rilevanti
   sull'IRAP.

   Investimenti: attualmente questo capitolo è il più significativo ed è in linea con le proposte confederali. Si tratta di circa 3 miliardi per lavori
   pubblici, 1 miliardo di apertura del patto di stabilità interno per spese in conto capitale per comuni virtuosi, 1 miliardo per la proroga
   dei bonus ristrutturazioni/ arredo ed efficienza energetica per tutto il 2014.

   Credito: potenziamento del fondo di garanzia per le PMI con uno stanziamento di circa 1,6 miliardi; revisione del regime delle perdite
   su crediti delle banche. Interventi utili per facilitare l'accesso al credito.

   Liquidità: stanziamento di 500 milioni di euro per pagamenti dei debiti PA (spese in conto capitale). Ulteriori risorse per i pagamenti PA
   potranno derivano dall'operazione di rientro di capitali dall'estero e dalla rivalutazione del capitale di Banca d'Italia (queste misure sono
   attualmente in fase di definizione e potrebbero confluire nel testo già durante l'iter parlamentare o successivamente con un provvedimento
   separato).

   Fisco: potenziamento dell'ACE per il 2015 e 2016; rivalutazione dei cespiti aziendali.

  Gestione delle crisi: istituzione di una cabina di regia presso il MISE,  come proposto da Confindustria.

Alla luce di queste prime valutazioni è evidente la necessità di lavorare molto incisivamente in Parlamento per rafforzare l'impianto della manovra e
dare un maggiore impulso alla crescita.

Il primo obiettivo di Confindustria sarà l'aumento delle risorse stanziate, a partire da quelle per il taglio del cuneo fiscale, e il rafforzamento delle misure per il rilancio degli investimenti, prevedendo anche interventi a sostegno della R&I.

Sotto il profilo della riduzione della pressione fiscale, inoltre, si punterà alla deducibilità integrale dell'IMU sui capannoni dall'IRAP e dall'IRES. E' un impegno che il Governo ha assunto prima dell'estate e che è necessario trovi ora definitiva attuazione.

Infine, andranno approfonditi i contorni e le ricadute della TRISE/Service tax per valutare la necessità di eventuali modifiche.

 

Pagina 10 di 15

Seguici attraverso i nostri canali social

   Icon TwitterBlu    Icon InstagramBlu    Icon TwitterBlu   Icon YouTubeBlu   Icon LinkedinBlu   Icon RSSBlu

Website Security Test

 

Entra nel tuo account