Da "Il sole 24 ore"
Antonella Tarquinio

Antonella Tarquinio

Accoglienza sede Pescara
Segreteria Generale

Telefono 085 432551
email a.tarquinio@confindustriachpe.it

Pubblichiamo la NEWSLETTER per i Soci Confindustria Chieti Pescara a cura dello Studio Catena sul tema: LIMITI RADDOPPIATI PER L’OBBLIGO DI NOMINA DELL’ORGANO DI CONTROLLO DELLE SRL

Infografica dal CSC - Perché frenano gli investimenti privati in Italia?

Gli investimenti in Italia avevano ripreso ad aumentare da inizio 2015. Il recupero, fino all'inizio del 2018, è stato guidato da quelli in macchinari e mezzi di trasporto, spinti dagli incentivi. Dall'estate dello scorso anno la crescita degli investimenti, però, si è sostanzialmente fermata, nonostante la risalita di quelli in costruzioni.

Il freno agli investimenti delle imprese è venuto sia dall'esaurirsi della spinta degli incentivi, sia dal netto peggioramento delle attese di domanda, crollate da inizio 2018. Ciò ha riflesso il peggioramento dello scenario domestico e le crescenti tensioni commerciali internazionali.

A queste difficili condizioni si è aggiunto un vincolo stringente sui volumi di credito disponibili. Le imprese italiane stanno chiedendo più credito alle banche, per finanziare i progetti produttivi. Tuttavia, dal lato dell'offerta si è avuto un irrigidimento, da metà 2018, a riflesso del rialzo dei rendimenti sovrani, che ha accresciuto il costo della raccolta bancaria e svalutato i portafogli di titoli. Gli istituti stanno scaricando tali oneri in minori volumi, maggiore richiesta di garanzie, costi addizionali, non sui tassi di interesse. Perciò, le imprese italiane sono tornate a subire un calo dei prestiti da inizio 2019 e hanno meno risorse per investire.

C-News, nuovo prodotto informativo a cura dell'Area Comunicazione di Confindustria.

Una vetrina per condividere ogni giorno le principali notizie di interesse del nostro Sistema.

In allegato l'edizione di oggi.

L'Assemblea dei soci di "ANCE Chieti Pescara" è convocata, in sede ordinaria, presso la sede di Confindustria Chieti Pescara, via Raiale 110/bis, 65128, Pescara, giovedì 18 luglio 2019 alle ore 7.00 in prima convocazione, e alle ore 9.30 dello stesso giovedì 18 luglio in seconda convocazione. Seguirà alle h. 10.30 il Convegno dal titolo : CODICE APPALTI: LE NOVITÀ DEL DECRETO "SBLOCCA CANTIERI" E DELLA LEGGE DI CONVERSIONE E IL PROJECT FINANCING: OPPORTUNITA' CRITICITA' E PROSPETTIVE PER UN RILANCIO.

Si allegano:
- convocazione Assemblea Soci
- delega
- programma Convegno

Siamo lieti di invitarvi alla presentazione del Rapporto sull'andamento del manifatturiero abruzzese, relativo al 2018, che si terrà il prossimo lunedì 15 Luglio, alle ore 10:30, presso la sede della CCIAA di L'Aquila, in Via degli Opifici N.I., a Bazzano (AQ).

All'incontro parteciperanno l'Assessore alle Attività produttive della Regione Abruzzo, Mauro Febbo, il Consigliere Incaricato Centro Studi Confindustria Abruzzo, Silvano Pagliuca, il Direttore Territoriale BPER, Guido Serafini, l'economista Pino Mauro.

Con l'iniziativa, di cui si allega il programma, si analizzeranno e discuteranno i dati contenuti nel Rapporto annuale realizzato in collaborazione tra Confindustria Abruzzo ed il CRESA.

Con tale Rapporto, che unisce competenze e esperienze ai fini del miglioramento del sistema di monitoraggio dell'andamento economico del settore manifatturiero nella regione, si forniscono indicazioni utili che potranno costituire elemento di riflessione per i decisori istituzionali nel porre in essere azioni incisive per il contesto locale.

Pubblichiamo la NEWSLETTER per i Soci Confindustria Chieti Pescara a cura dello Studio Catena sul tema: Decreto Crescita 2019.

La scrivente Associazione da diverso tempo ha posto il problema della pericolosità del progetto redatto dalla Provincia di Chieti del tracciato della Ciclabile Via Verde "Costa dei Trabocchi" nel tratto di Punta Penna a Vasto.

L'idea di far coincidere in larga parte il tracciato, dall'uscita da Punta Aderci al Camping Grotta del Saraceno, con la viabilità a servizio dell'agglomerato industriale e del Porto di Vasto (via Osca) dimostra che non si sono tenute in nessuna considerazione le attività che si svolgono quotidianamente a ridosso del Porto e gli sviluppi che esse avranno dal nuovo Piano regolatore portuale, dalla realizzazione del raccordo ferroviario e della ZES.
Condivisione di tracciato stradale in sede non protetta con il traffico ordinario leggero e pesante, assenza di parcheggi dedicati, attraversamento di binari ferroviari, rotatorie, segnaletica interferente, sono solo alcune dei fattori di maggiore rischio per i potenziali utenti della pista ciclabile.
Più volte enti preposti, come Direzione Marittima e ARAP, oltre che le imprese del posto, hanno evidenziato il problema, che però ad oggi non solo non ha avuto soluzione ma anzi è totalmente ignorato da chi dovrebbe in primo luogo avere come obiettivo la sicurezza della mobilità di persone e merci.
Deve verificarsi qualche tragedia perché se ne abbia coscienza? Chi fruirà della ciclabile dovrà poterlo fare nella massima sicurezza e nella serenità di un tracciato gradevole e semplice da percorrere, come deve e può essere possibile.
Ipotesi di tracciati alternativi, assolutamente sicuri e meglio inseriti nel paesaggio naturale, sono state proposte e tra l'altro porterebbero anche ad un risparmio di costi. Ma sono sistematicamente ignorate.
Se queste sono le scelte ci si chiede che senso ha lavorare per una ZES che comprenda Vasto e per lo sviluppo del Porto.
Si può e si deve lavorare perché sia affermata l'assoluta compatibilità tra le attività industriali, indispensabili per la crescita dell'economia e per l'occupazione, e le politiche di rilancio turistico e valorizzazione delle qualità ambientali dell'area.
Occorre però che ciascuno assuma le proprie responsabilità su scelte determinanti per il futuro del comprensorio vastese.
Confindustria Chieti Pescara è a totale disposizione per ridiscutere la questione e proporre tutte le possibili soluzioni alternative, sperando di trovare lo stesso atteggiamento di apertura da parte degli enti in indirizzo.

In  allegato ll'ultimo report mensile del Centro Studi Confindustria sulla congiuntura economica italiana e internazionale.

L'economia italiana non decolla, penalizzata da tassi sovrani alti solo nel nostro paese: l'export è poco positivo, gli investimenti in flessione, i consumi non accelerano.
Si addensano nubi sullo scenario internazionale e il commercio resta bloccato: nell'Eurozona preoccupa la fiducia e i mercati non aiutano, anche l'industria UK scivola, gli USA sono in frenata, la Cina tiene.

Il focus del mese - La BCE cambia rotta? FED verso un taglio dei tassi

Qui il link al sito http://bit.ly/2YovHpN

C-News, nuovo prodotto informativo a cura dell'Area Comunicazione di Confindustria.

Una vetrina per condividere ogni giorno le principali notizie di interesse del nostro Sistema.

In allegato l'edizione di oggi.

Pubblichiamo la NEWSLETTER per i Soci Confindustria Chieti Pescara a cura dello Studio Catena sul tema:

ISA (INDICI SINTETICI DI AFFIDABILITA' FISCALE) ED IL NUOVO REGIME PREMIALE

Pagina 1 di 37

Seguici attraverso i nostri canali social

   Icon TwitterBlu   Icon TwitterBlu   Icon YouTubeBlu   Icon LinkedinBlu   Icon RSSBlu

Website Security Test

 

Entra nel tuo account