Da "Il sole 24 ore"
Venerdì, 24 Febbraio 2017 16:43

Importi massimi mensili dei trattamenti di integrazione salariale e dell’indennità NASpI anno 2017: istruzioni INPS

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

La Direzione Centrale Ammortizzatori Sociali dell'INPS, con l'allegata circolare n. 36 del 21 febbraio 2017, ha reso noto che la misura, in vigore dal 1° gennaio 2017, degli importi massimi dei trattamenti di integrazione salariale (al lordo ed al netto della riduzione del 5,84%) e della indennità di disoccupazione NASpI è pari a quella dell'anno 2016.

Nello specifico, la menzionata circolare segnala che gli importi massimi mensili dei trattamenti di integrazione salariale, per l'anno 2017, restano quindi fissati – rispettivamente al lordo e al netto della riduzione prevista dall'art. 26 della Legge 28 febbraio 1986, n. 41 (attualmente pari al 5,84%) – nelle seguenti misure:

  1. € 971,71 – € 914,96;
  2. € 1.167,91 – € 1.099,70.

L'importo della retribuzione oltre la quale sono applicabili i massimali di cui alla lettera b) è pari a € 2.102,24.

L'Istituto ricorda che i massimali suindicati:

  • si applicano anche ai trattamenti relativi ai contratti di solidarietà soggetti alla disciplina del Decreto Legislativo 14 settembre 2015, n. 148;
  • devono essere incrementati nella misura ulteriore del 20% per i trattamenti di integrazione salariale concessi in favore delle imprese del settore edile e lapideo per intemperie stagionali.

Al punto 5., la circolare in esame comunica, altresì, che la retribuzione da prendere a riferimento per il calcolo della indennità di disoccupazione NASpI resta fissata, secondo i criteri già indicati nella circolare n. 94 del 12 maggio 2015, ad € 1.195 per l'anno 2017.

L'importo massimo mensile della suddetta indennità, per la quale non opera la riduzione di cui all'art. 26 della Legge n. 41/1986, è pari, per l'anno 2017, ad € 1.300.

Da ultimo, l'Istituto rammenta che l'art. 2, comma 71, della Legge 28 giugno 2012, n. 92:

  • ha abrogato, dal 1° gennaio 2017, gli articoli da 6 a 9 della Legge 23 luglio 1991, n. 223, che disciplinavano la lista di mobilità, l'indennità di mobilità, il collocamento dei lavoratori in mobilità e la cancellazione del lavoratore dalle liste di mobilità. Di conseguenza, i lavoratori interessati da un licenziamento collettivo con effettiva cessazione del rapporto di lavoro a far data dal 31 dicembre 2016 non possono essere più collocati in mobilità ordinaria;

  • ha inoltre disposto l'abrogazione, con decorrenza dal 1° gennaio 2017, dei trattamenti speciali di disoccupazione per l'edilizia di cui agli articoli 3, commi 3 e 4, della Legge 19 luglio 1994 n. 451, da 9 a 19 della Legge 6 agosto 1975 n. 427, e 11, comma 2, della Legge 223/1991.

I funzionari dell'area Lavoro Sindacale sono a disposizione per eventuali maggiori informazioni.

Ultima modifica il Venerdì, 24 Febbraio 2017 17:03
Ida Fagnani

Contabilità Società di Servizi, Accoglienza e Segreteria Generale sede Val Di Sangro
Segreteria Sindacale

Telefono 085 4325571
email i.fagnani@confindustriachpe.it

Seguici attraverso i nostri canali social

Icon TwitterBlu   Icon GoogleBlu   Icon YouTubeBlu   Icon LinkedinBlu   Icon RSSBlu

 

Entra nel tuo account