Da "Il sole 24 ore"
Mercoledì, 05 Agosto 2015 00:00

Messaggio del Direttore Generale: temi nazionali sul tappeto e primi risultati

Scritto da

Cari Associati,
in occasione della pausa estiva mi fa piacere fare un punto veloce per riassumere gli impegni di questi ultimi mesi e quelli che ci aspettano alla ripresa.

Per quanto riguarda il percorso delle riforme registriamo con soddisfazione importanti passi avanti sullo stato di attuazione della delega fiscale e sull'iter delle riforme costituzionali e di quella della Pubblica Amministrazione.

Quanto al merito, si tratta di provvedimenti che recepiscono numerose proposte di Confindustria e che semplificano oneri significativi che gravano sulle imprese. Con particolare riferimento alla Riforma della PA, la seconda lettura alla Camera ha scontato un clima politico animato, che ha portato all'introduzione di alcune misure che destano la preoccupazione di Confindustria. Si tratta in particolare dell'introduzione di due deleghe:
la prima prevede la possibilità che le imprese partecipino alle spese di funzionamento delle Autorità indipendenti; la seconda riguarda la razionalizzazione delle Autorità portuali.

Sono state invece confermate, senza passi indietro ma anzi in alcuni casi con positive modifiche, la portata delle importanti deleghe in tema di conferenza di servizi, società pubbliche, servizi pubblici locali e Camere di Commercio, tema quest'ultimo, dove sono intervenuto ieri con mia news a tutte le imprese associate per riferire in merito ai punti essenziali della riforma che proprio ieri è stata definitivamente approvata al Senato.

Su questi temi è già in corso l'attività di definizione dei Decreti attuativi sulla quale Confindustria nazionale è coinvolta operativamente.

Guardando gli ultimi provvedimenti approvati, costituisce un buon risultato il Decreto Legge sulle procedure concorsuali. Come sapete, rispetto al testo originario, la Camera ha apportato numerose modifiche positive, con particolare riferimento ai correttivi che ridimensionano l'abuso del ricorso ai concordati preventivi. In parallelo, questi temi negli ultimi mesi sono stati oggetto dell'attività della Commissione per la riforma delle procedure concorsuali, presieduta dal Dott. Rordorf, alla quale tra gli altri partecipa anche Confindustria, con l'obiettivo di mettere a punto un Disegno di Legge Delega che riformi in modo organico la materia.

Altri provvedimenti costringono Confindustria ad assumere posizioni "difensive", in particolare, su due versanti: il primo è quello della Proposta di Legge sulla class action che, come sapete, è stata incardinata al Senato ma che fino ad ora - grazie al deciso intervento della nostra confederazione - non ha ricevuto alcun impulso ulteriore.

Rispetto al provvedimento, oltre a puntare a un rallentamento dell'iter per favorire una necessaria riflessione, Confindustria ha sensibilizzato gli interlocutori istituzionali affinché al Senato il testo venga corretto e reso più equilibrato; il secondo versante è invece rappresentato dal Disegno di Legge sul consumo del suolo, all'esame delle Commissioni Ambiente ed Agricoltura della Camera. Il provvedimento è destinato ad andare verso l'approvazione quindi in questa fase il nostro sistema sta lavorando per definire le modifiche che superino le principali penalizzazioni per le imprese. Sul provvedimento Confindustria sta portando avanti un confronto con le altre Associazioni datoriali e con i sindacati per individuare eventuali
posizioni comuni da promuovere insieme.

Con riferimento alle priorità che ci aspettano alla ripresa, ovviamente vengono in considerazione la prossima Legge di Stabilità e, quindi, le iniziative del Governo - annunciate dal Presidenze Renzi - sulla riduzione del prelievo fiscale.
Il punto di partenza secondo Confindustria deve essere una verifica delle misure varate dall'ultima Legge di Stabilità che hanno dimostrato di funzionare e di incidere positivamente sulla crescita e di sostenere la competitività delle imprese. Mi riferisco agli interventi di riduzione del carico fiscale e contributivo sul lavoro.

Inoltre, per consolidare i segnali di ripresa e rimettere in moto la domanda interna, i principali capitoli di intervento sui quali Confindustria incalza l'azione del Governo sono il rilancio degli investimenti e la riduzione del prelievo sugli immobili di impresa, a partire ovviamente dai c.d. imbullonati.

Il DDL Stabilità potrebbe anche essere il veicolo per affrontare, con un approccio nuovo rispetto al passato, il tema della sostenibilità della spesa sanitaria, promuovendo la proposta anticipata dal Presidente Squinzi la scorsa settimana su "Il Messaggero" relativa allo sviluppo del pilastro integrativo privato.

Prima della pausa estiva mi è sembrato utile riassumervi i temi strategici che il nostro sistema intende presidiare ed i primi risultati raccolti dalla nostra azione.

Con l'auspicio che i tempi che verranno saranno migliori per le nostre famiglie, per i nostri collaboratori e per le nostre imprese, auguro a voi tutti una serena e proficua pausa estiva.

Luigi Di Giosaffatte

Ultima modifica il Mercoledì, 05 Agosto 2015 13:19
Laura Federicis

Coordinatore Area Relazioni Istituzionali
Centro Studi, Convenzioni,
Assistenza Presidenza e Direzione Generale
Segreteria Sezione Turismo

Contatti
Telefono: 085 4325543 - 3405579577
Email: l.federicis@confindustriachpe.it

Seguici attraverso i nostri canali social

   Icon TwitterBlu    Icon InstagramBlu    Icon TwitterBlu   Icon YouTubeBlu   Icon LinkedinBlu   Icon RSSBlu

Website Security Test

 

Entra nel tuo account