Da "Il sole 24 ore"
Martedì, 07 Settembre 2021 13:11

Sette giorni - newsletter di Confindustria del 3 settembre 2021

Scritto da

ECONOMIA: RIPRESA SOLIDA, DI CUI L’INDUSTRIA E’ PROTAGONISTA, MA PREOCCUPANO LE VARIANTI. NOSTRA VOLONTA’ E’ RAFFORZARE L’AZIONE DI DRAGHI

“Ci conforta la solida ripresa di cui l'industria è stata protagonista ma siamo ancora preoccupati per la sicurezza sanitaria. Al presidente Draghi, al generale Figliuolo, va riconosciuto uno straordinario passo avanti nel piano vaccinale, ma le varianti del virus tornano a far salire i contagi nel mondo avanzato in maniera molto preoccupante”. Così il presidente di Confindustria Carlo Bonomi nell’intervento di chiusura dell’Assemblea pubblica di Federalimentare che si è svolta nell’ambito di della Cibus. “La volontà che ci muove è esattamente opposta a quella di voler danneggiare il governo. Noi vogliamo rafforzare l’opera del presidente Draghi, che sin qui è stata straordinaria e ha moltiplicato la credibilità italiana in Europa, nella Nato e nel G20, che sta guidando benissimo", ha sottolineato Bonomi. “Noi siamo solo molto preoccupati che sul calendario delle riforme - che ha iniziato a slittare - i partiti nel semestre bianco antepongano le rispettive bandierine pensando alle amministrative delle grandi città e poi all’elezione del nuovo capo dello Stato”. Ed è questa la preoccupazione che mi spinge a intervenire. Non a nome dell'industria italiana, ma nell'interesse del nostro Paese” - ha aggiunto. E sulle risorse del Recovery: “il nostro Paese non può perdere l'occasione storica dell'immensa quantità di risorse che ci ha concesso dall'Europa e non deve commettere l'errore di credere che quei sostegni siano eterni. Perché non lo sono per definizione. E l’Italia deve presentarsi al tavolo delle riforme che verranno richieste dell'Ue con la sua più grande credibilità”.

GREEN PASS: I SINDACATI GETTANO LA PALLA NEL CAMPO DEL GOVERNO. E’ UNA FUGA DALLA RESPONSABILITA’, INTANTO AGGIORNIAMO I PROTOCOLLI

“All'uso estensivo del Green pass sui luoghi di lavoro il sindacato, o almeno una parte del sindacato, ha detto no, preferisce gettare la palla nel campo del governo, e dire se volete e ve la sentite imponete con una legge l’obbligo vaccinale. È una fuga dalla responsabilità”. Così il presidente di Confindustria Carlo Bonomi intervenendo in chiusura dell’Assemblea pubblica di Federalimentare. “Come presidente di Confindustria ho tentato ogni cosa per convincere il sindacato che dovevamo fronteggiare la nuova minaccia dei contagi in ascesa con le varianti di coronavirus con lo stesso spirito che ci ha portato tutti quanti a convenire sui protocolli di sicurezza sui luoghi di lavoro nei momenti più aspri del virus, quando ancora non c'erano i vaccini, nella primavera del 2020. Quei Protocolli erano i più avanzati in Europa: bastava adeguare quelli esistenti – ha aggiunto. Il no dei sindacati all'estensione del Green pass ai luoghi di lavoro è una posizione assunta sapendo che nella maggioranza di Governo c’è chi ha flirtato con i ‘no vax’. E chiedere una legge significa in questo quadro non avere né il Green pass, né l'obbligo vaccinale. Non capisco come la responsabilità manifestata l'anno scorso ora sembra in questo Paese svanita”.

LAVORO: IL DECRETO DELOCALIZZAZIONI E’ UN PROVVEDIMENTO PUNITIVO PER LE IMPRESE. SERVE UN CONFRONTO PREVENTIVO

“È per rispettare il mio mandato che ho sollevato il problema sullo stop ai licenziamenti ed è la stessa ragione per cui, dopo aver letto per due settimane sui media i dettagli della misura di cui si annunciava l'adozione, relativo ad un decreto sui licenziamenti per le imprese oltre 250 dipendenti, ho ritenuto necessario dire con forza che era meglio discuterne prima. Perché il decreto Orlando-Todde è la fotocopia della logica punitiva della legge Florange francese del 2014, legge del tutto smontata dalla Corte costituzionale francese come contraria a libertà di impresa garantita dal Trattato dell’Unione europea”. Così il Presidente Carlo Bonomi è tornato a commentare le polemiche e le indiscrezioni stampa sul decreto delocalizzazioni allo studio del Governo e su cui ieri il Presidente Draghi ha annunciato un confronto con le parti sociali.

CONNEXT 2021: FOCUS SU START UP. ATTIVA LA CALL PER SELEZIONARE 20 PROGETTI INNOVATIVI E SCALABILI

Nell’ambito di Connext 2021, il 28 luglio è stata lanciata la Call di Confindustria “Percorso startup”, in collaborazione con RetImpresa e Luiss, per selezionare 20 Startup capaci di presentare progetti innovativi in settori strategici sui 4 driver di Connext (Fabbrica Intelligente, Città del Futuro, Pianeta Sostenibile e Persone, Scienze della Vita e Progresso). La Call sarà attiva fino al 20/9 e, per candidarsi su Registry, la piattaforma di open innovation sviluppata da RetImpresa, sono stati creati 4 link dedicati, corrispondenti ai driver tematici e disponibili sul sito Connext. Il “Percorso startup” prevede un programma coordinato di attività, eventi e laboratori di avvicinamento a Connext con il coinvolgimento delle Associazioni di Sistema che aderiranno all’iniziativa. Il prossimo 6 settembre si terrà a Roma, presso la LUISS, una tappa del roadshow dedicata alla Call startup, a cui interverranno, tra gli altri, il Presidente dei Giovani Imprenditori Di Stefano, il Presidente della Piccola Industria Robiglio e il Presidente di RetImpresa Landi. Le imprese interessate sono invitate a partecipare registrandosi su: https://luiss.formstack.com/forms/percorso_startup_connext_2021_6_settembre_2021. Proprio in questi giorni si sta costituendo un Comitato promotore, composto dai rappresentanti delle Associazioni presenti a Connext, che avrà il compito di promuovere la Call presso le imprese degli ecosistemi di riferimento, mettere a disposizione il proprio know-how sui Driver e supportare le azioni di mentoring e coaching delle startup.

CONFINDUSTRIA ALLA 78° MOSTRA DI VENEZIA CON “CENTOUNDICI. DONNE E UOMINI PER UN SOGNO GRANDIOSO”

Per la prima volta, Confindustria sarà presente alla 78° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica con “Centoundici. Donne e uomini per un sogno grandioso”, cortometraggio d’autore con la regia di Luca Lucini. La scelta del prestigioso palcoscenico di Venezia risponde alla precisa volontà di accendere i riflettori sul comparto delle industrie culturali, drammaticamente colpite dalla pandemia, sulle quali Confindustria sente una forte responsabilità in termini di rappresentanza e sostegno. Il film racconta il ruolo sociale ed economico dell’industria italiana e la sua capacità di essere attore centrale della ripartenza nella storia del PaeseL’anteprima del film e la conferenza stampa di presentazione si terranno il 10 settembre, alle ore 15.00, presso l’Hotel Excelsior alla presenza di Carlo Bonomi, Presidente di Confindustria; del regista Luca Lucini e degli attori protagonisti Alessio Boni, Cristiana Capotondi, Giorgio Colangeli, Adriano Occulto.

Ultima modifica il Martedì, 07 Settembre 2021 13:45
Laura Federicis

Coordinatore Area Relazioni Istituzionali
Centro Studi, Convenzioni,
Assistenza Presidenza e Direzione Generale
Segreteria Sezione Turismo

Contatti
Telefono: 085 4325543 - 3405579577
Email: l.federicis@confindustriachpe.it

Seguici attraverso i nostri canali social

   Icon TwitterBlu   Icon TwitterBlu   Icon YouTubeBlu   Icon LinkedinBlu   Icon RSSBlu

Website Security Test

 

Entra nel tuo account